mercoledì 31 luglio 2013

Polpo con le patate la mia ricetta


Mio figlio che fino all'età di tre anni mangiava solo pasta in bianco e pochissimo altro (se si escludono ovviamente i dolci che invece ha sempre amato... ;)), dalla primavera scorsa ha scoperto una vera e propria passione per il polpo... come dargli torto? Ecco quindi che tutte le volte che al mercato ci troviamo difronte al banco del pesce mi dice "mamma compriamo il polpo?". Così è stato anche ieri.... e la nostra cena è stata a base di insalata di polpo con le patate.... perfetta per queste calde sere estive!


Ingredienti per 4 persone

1 polpo di circa 1 kg di peso
4 patate grosse 
basilico
prezzemolo 
1 spicchio di aglio
olio evo

Mi è capitato spesso di sentirmi dire da amiche che loro avevano rinunciato a cucinare il polpo perchè risultava sempre duro e legnoso. Io devo dire che da quando tanto tanto tempo fa, durante una vacanza in Sicilia, un pescatore aveve insegnato a mia mamma il suo modo di cuocere il polpo non mi è mai capitato che questo risultasse duro o legnoso. Ecco come lo preparo io: prendere il polpo e lavarlo bene sotto l'acqua corrente, senza asciugarlo metterlo in una pentola dai bordi abbastanza alti. Coprire con un coperchio accendere il fuoco a fiamma prima viva poi, dopo i primi minuti, abbassare la fiamma. Lasciare cuocere per circa 1 ora, girando il polpo di tanto in tanto. 



Spegnere quando infilzandolo con la forchetta sarà perfettamente tenero.


Cuocendo il polpo rilascia un sughino saporitissimo.... non buttatelo via! Potete per preparare un ottimo piatto di pasta risottata (cuocete gli spaghetti direttamente in pentola nel sughetto aggiungendo via via brodo vegetale leggero e poco salato visto che il sugo del polpo è molto concentrato) oppure per un più tradizionale risotto.
A questo punto lasciate raffreddare il polipo. Nel frattempo pelate le patate e riducetele a quadretti, lessatele in acqua salata fino a quando non saranno morbide, circa 15 minuti dal momento in cui l'acqua bolle.
Scolare le patate e metterle in una capiente insalatiera. A questo punto pulire il polipo e tagliarlo a pezzettini della grandezza che preferite. Unire il polipo alle patate condire con olio evo, e un trito preparato con il prezzemolo il basilico e l'aglio. Questo piatto buonissimo freddo può essere gustato anche tiepido.


lunedì 29 luglio 2013

Tofu fritto alla curcuma con salsa al curry


L'altra sera ho provato una ricetta che mi ha insegnato mia sorella e devo dire che l'ho trovata buonissima. Leggera e molto saporita, perfetta per una cenetta estiva e assolutamente vegana.
Si tratta di pezzetti di tofu (al naturale) infarinati con farina di riso e curcuma e fritti, serviti con semini vari e una salsa preparata con carota, cipolla, salsa di pomodoro, e curry. Davvero stuzzicante..... e super veloce da preparare!!! 


Ingredienti per 4 persone

250 gr Tofu al naturale
farina di riso
curcuma in polvere
curry 
500 gr passata di pomodoro
2 carote
1 cipolla rossa piccola
olio evo
Semi misti (sesamo, papavero, zucca, girasole) per guarnire 
sale q.b.

Pelate le carote e pulite la cipolla, riducete la cipolla a una dadolata piccola e le carote a pezzettoni.  Soffriggere la cipolla in 2 cucchiai di olio evo fino a quando sarà dorata, aggiungere le carote e far rosolare bene anche quelle. Cuocere fino a quando le carote non cominceranno ad essere tenere. Aggiungere la passata di pomodoro e il curry. Lasciar cuocere il sugo ancora circa un quarto d'ora perchè si restringa un po' le verdure finiscano di cuocersi. Aggiustare di sale.
Tagliare il tofu a fettine sottili, mischiare la farina di riso con 2 cucchiaini di curcuma (se non vi piace la curcuma potete sostituire con curry o paprica o altre spezie di vostro gradimento) e impanate bene le fettine di tofu. In una padella larga scaldare 4 cucchiai di olio evo ( non deve cuocere in olio fondo basta che la padella sia velata dall'olio). Quando l'olio è caldo friggere il tofu lasciando cuocere un paio di minuti per lato, o comunque fino a quando non si forma una bella corosticina. Scolare su un foglio di carta da cucina perchè perda l'olio in eccesso, salare leggermente e servire, spolverati con i semini misti di sesamo, papavero, zucca, lino e girasole,  accompagnato dalla salsina al curry.


venerdì 26 luglio 2013

Torta golosa banane e cioccolata vegana


Certo in questi giorni fa piuttosto caldo.... ma potevo lasciare il mio cucciolo senza la torta per la sua colazione??? voleva dire tornare a qualche tipo di prodotto da forno preconfezionato.... e davvero preferisco non farlo. Così ieri sera ho aspettato che si rinfrescasse un po' e poi ho provato questa torta banane e cioccolato. La ricetta originale la trovate qui. Io però ne ho fatto una versione vegana, con margarina bio e senza uova. Il risultato è davvero favoloso: una torta friabile e profumata, molto molto golosa.




Ingredienti

200 gr farina 0
170 gr zucchero di canna
100 gr margarina bio
100 gr cioccolato fondente (fate attenzione se siete intolleranti a leggere bene la composizione moltissime marche contengono derivati del latte)
1 bustina di lievito 
2 banane
200 ml di latte di soia

Fondere a fuoco bassissimo la margarina e lasciarla raffreddare. Mescolare lo zucchero con il latte, aggiungere la margarina sciolta e la farina setacciata insieme allo lievito. Mescolare fino ad ottenere un impasto liscio e morbido. Aggiungere il cioccolato ridotto a pezzettini e una banana tagliata a rondelle. Mescolare delicatamente. Versare il composto in una teglia (foderata con carta da forno o imburrata e infarinata, o una teglia di silicone) di circa 20 cm di diametro. Infornare in forno caldo a 180 gradi per circa 30 minuti. Vale la prova stecchino. Lasciare raffreddare completamente, sformare e cospargere a piacere di zucchero a velo. 




mercoledì 24 luglio 2013

Torta estiva limone e mandorle senza derivati del latte e senza glutine

Domenica siamo andati a pranzo da amici carissimi e avevo detto che avrei portato un dolce.... visto il caldo persino io ho pensato che il cioccolato non fosse proprio adatto come ingrediente principe e quindi .... ecco l'occasione perfetta per provare una ricetta di simil caprese al limone appuntata tanto tempo fa sul mio quadernino delle ricette da provare. Si tratta di un dolce leggero perchè privo di grassi ma allo stesso temo goloso per la presenza delle mandorle.... una specie di pan di spagna profumato di limone e con l'aggiunta di mandorle tritate. Il risultato è un dolce sorprendentemente goloso ma con una nota fresca data dal limone.


Ingredienti

60 gr di zucchero a velo
100 gr di mandorle spelate
1 limone non trattato (serve la buccia e il succo)
3 uova
5 cucchiai di zucchero di canna
25 gr fecola di patate
1/2 bustina di lievito per dolci
2 cucchiai di acqua

zucchero a velo per decorare a piacere.

Nel mixer frullare le mandorle con lo zucchero a velo e la buccia di mezzo limone fino a ridurle a farina. Montare le uova con 2 cucchiai di zucchero di canna a lungo, fino a renderle gonfie e spumose come per fare il pan di spagna e tenere da parte (con questo caldo magari anche in frigo).  In un pentolino preparare uno sciroppo con lo zucchero di canna avanzato (3 cucchiai), l'acqua, la restante buccia di limone, e 2 cucchiai di succo di limone . Lasciare intiepidire lo sciroppo e aggiungerlo al mix di mandorle, zucchero e limone, e far andare il mixer per amalgamare bene il tutto e tritare le bucce di limone. Aggiungere la fecola di patate e lo lievito, e mischiare bene. A questo punto, versate tutto in una ciotola capiente e unite le uova montate con lo zucchero mescolando con una spatola con movimenti dal basso verso l'alto per non smontare le uova. Versare in una tortiera piccola (20 cm di diametro) e cuocere in forno caldo a 160 gradi per circa 45 minuti. Vale la prova stecchino! Lasciare raffreddare completamente sformare e cospargere con zucchero a velo o decorare a piacere con fette di limone caramellate. 


lunedì 22 luglio 2013

Banana pancakes

L'altra sera si è fermata a dormire a casa nostra dopo tanto tanto tempo la cuginetta di mio figlio. Non sto a dirvi quanto fosse felice lui... e quanto era bello guardarli dormire vicini vicini nel lettone. Questa mattina si sono alzati allegri e già pieni di voglia di giocare.... e sopratutto desiderosi di una buona colazione. Cosa c'è di meglio per cominciare la giornata che banana pancakes con la mia crema alle nocciole e cioccolato  o la marmellata?
Dopo il pieno di energia i due cuginetti erano pronti per una giornata di piena attività.


Ingredienti per 8- 10 pancakes 

1 banana matura ma non nera
1 uovo
70 gr farina
1 cucchiaino di lievito per dolci
1 cucchiaio di zucchero di canna
qualche cucchiaio di latte di riso

Schiacciare la banana con lo zucchero e mescolare bene aggiungere l'uovo la farina setacciata con lo lievito e tanto latte quanto serve per ottenere un impasto morbido e liscio (2- 3 cucchiai dovrebbero bastare).


Scaldare una padella antiaderente, ungerla con pochissimo olio (evo o di semi) usando un pezzo di cara da cucina imbevuto nell'olio. Scaldare bene la padella e cuocere un cucchiaio di preparato per i pancakes per volta ( se vi piacciono più grandi usare 2 cucchiai per volta). Cuocere fino a quando sulla superficie non si formano delle piccole bollicine, quindi girare il pancake e cuocere dall'altro lato (ci vorranno ancora circa 2 minuti).  



Impilare i pancake su un piatto in modo che rimangano caldi e morbidi.... servire accompagnati da ciò che vi piace di più! Io ho servito la mia crema di nocciole e ciococlato e la marmellata di fichi... ma per chi piace va bene anche il miele, lo sciorppo di acero, burro e marmellata..... insomma libero sfogo alla fantasia!



venerdì 19 luglio 2013

Paccheri pomodoro fresco e zucchine

Oggi vi propongo una ricetta semplice e fresca per un primo estivo. I paccheri sono un formato di pasta che mi piace moltissimo, il loro formato raccoglie benissimo il sugo e si trasformano in mini canneloni ripieni di bontà. Questo sugo fresco e leggero sa di sole e  di estate e i suoi colori mettono di buon umore.

Ingredienti per 4 persone

380 gr paccheri
4 pomodori maturi
4 zucchine fresche
2 spicchi di aglio
1 ciuffetto di basilico
sale
pepe a gusto
olio evo
parmigiano o pecorino grattuggiato a piacere

Mettere sul fuoco una capiente pentola di acqua per cuocere i paccheri. Nel frattempo lavate e tagliete a cubetti piccoli i pomodori, conditeli con un cucchiaio di olio evo, sale, un pò del basilico tritato e uno spicchio di aglio tagliato a metà. Coprire e lasciare insaporire da parte. lavate le zucchine, mondatele riducetele a una dadolata piccola. Scaldare una padella con 2 cucchiai di olio e il secondo spicchio di aglio intero, e cuocere le zucchine a fiamma media per farle rosolare bene. Aggiungere il basilico, regolare di sale e tenere da parte. 
Quando i paccheri saranno cotti al dente scolarli e ripassarli in padella con le zucchine. Aggiungere il pomodoro fresco, mescolare e servire a piacere con una bella spolverata di parmigiano o di pecorino e una grattata di pepe. 


mercoledì 17 luglio 2013

nuvola al succo di pera....

In queste settimana nella rete imperversano ricette bellissime di ogni tipo di cheesecake o di torte fredde allo yogurt e panna..... tutte bellissime e invitanti. Io d'estate faccio spessissimo la torta di yogurt con base di biscotti, ai miei uomini piace moltissimo, si può fare di mille gusti diversi, non deve cuocere, è fresca... insomma è sempre un dessert azzeccato nei pranzi e nelle cene estive.
Però ... però pensavo.... e chi non può mangiare i latticini? per mia sorella vegana? come posso preparare un dolce altrettanto fresco, che si possa realizzare in tanti gusti facilmente?? ho provato... e questo è il risultato.... all'apparenza sembra una cheesecake o una torta allo yogurt ..... ma in realtà è una nuvola di succo di frutta dalla consistenza super leggera, una spuma di succo alla pera su una base di biscotti. Con questo caldo è molto piacevole.... mio figlio l'ha ribattezzata "la torta fresca" e gli è piaciuta molto. A voi la prova e il giudizio.



Ingredienti

200 gr di biscotti secchi senza latticini e senza uova
70 gr margarina senza grassi idrogenati
300 ml di panna vegetale (io di soia, fate attenzione alcune marche di panna vegetale contengono proteine del latte, controllate sulla confezione)
300 ml di succo di pera
1 1/2 cucchiaini di agar agar in polvere (verificare la dose necessaria rispetto alla quantità di liquidi sulla confezione del prodotto)

Ridurre i biscotti in briciole utilizzando il mixer. Fondere la margarina in un pentolino a fuoco bassissimo, lasciare intiepidire e unire ai biscotti sbriciolati. Mescolare bene e utilizzare il composto per formare la base della torta versandolo in una teglia coperta di carta da forno (lavata e strizzata). Mettere la base in frigo. Mentre la base si raffredda bene, montare la panna vegetale. Quando sarà montata aggiungere il succo di frutta di pera poco per volta mescolando dal basso verso l'alto con una spatola. Sciogliere l'agar agar in due cucchiai di succo di pera, aggiungere al misto di panna vegetale e succo e mescolare bene sempre dall'alto verso il basso. Versare il composto sulla base di biscotti e mettere in frigo a raffreddare per diverse ore.... meglio se una notte intera o una giornata. Spolverare con cacao zuccherato e servire ben fredda.
A mio parere... il risultato sarebbe ancora migliore se per la preparazione della base di utilizzasse metà biscotti e metà cereali tipo special k (controllando sulla confezione che siano privi di proteine del latte!!!) In questo modo la base risulterebbe più croccante.... si potrebbe anche aggiungere qualche goccia di gioccolato...... ;)




martedì 16 luglio 2013

Spaghetti friggitelli, pancetta e mandorle

Ieri sera è venuto a cena un nostro caro amico... ma ahimè il frigo era quasi vuoto e non avevo proprio tempo di fare la spesa! Qualcosa di buono però c'era: friggitelli freschi, pancetta e mandorle... ne è uscito un ottimo piatto di pasta. Bello da vedere e buonissimo da mangiare.



Ingredienti per 4 persone

380 gr di spaghetti
10 friggitelli
150 gr pancetta in una sola fetta
1 ciuffetto di basilico
50 gr di mandorle tostate
olio evo

Mentre l'acqua per la pasta si scalda, lavare e asciugare bene i friggitelli. Tagliateli a rondelle senza eliminare i semi interni. Tagliare la pancetta a cubetti piuttosto piccoli. In una larga padella cuocere la pancetta in un cucchiaio di olio evo fino a quando non sarà croccante. Aggiungere i friggitelli e cuocere a fuoco medio, mescolando spesso e facendo attenzione a che non attacchino. A questo punto  aggiungere le mandorle grossolanamente tritate lasciare insaporire. Aggiungere il basilico tritato, spegnere il fuoco e coprire con un coperchio. Personalmente non ho trovato necessario salare, la pancetta ha fornito il sale necessario ma assaggiate e regolatevi secondo i propri gusti.
Salare  l'acqua quando bolle, buttare la pasta e cuocere seguendo i tempi indicati dalla confezione. Scolare al dente, aggiungere la pasta al sugo e saltare in padella per amalgamare i sapori.
Servire a piacere con pecorino grattuggiato, io ho decorato con una spruzzata di sesamo tostato in padella.

lunedì 15 luglio 2013

Zucchine all'agro con semi di sesamo, lino, girasole e zucca

Ecco oggi vi propongo una ricettina veloce e saporita perfetta per i pranzi e per le cene estive. Può essere mangiato sia come contorno fresco che come antipasto. A mio parere è molto sfizioso e con il profumo del basilico e una spruzzata di aceto è molto fresco... si avvicina alle zucchine in scapece o alle zucchine in carpione ma la realizzazione è molto più rapida.


Ingredienti per 4 persone

8-9 zucchine fresche (io preferisco quelle chiare meno ricche di acqua)
1 ciuffo di basilico
1 spicchio di aglio
2 cucchiai di semi misti di sesamo, lino, girasole e zucca
5 cucchiai di olio evo
1/2 tazzina da caffè di aceto di vino bianco
1 cucchiaino da caffè di zucchero di canna
sale

Lavare, spuntare le zucchine e asciugarle. Tagliatele a rondelle piuttosto consistenti (4-5 mm). Scaldate una padella larga, aggiungete l'olio evo e l'aglio e quando l'aglio comincia a dorare aggiungere le zucchine. Cuocere a fuoco medio, devono rosolarsi bene bene, giratele spesso e fate attenzione che non si attacchino. Appena vi sembreranno cotte (non devono disfarsi) aggiustate di sale e spegnete il fuoco. Trasferite in una ciotola abbastanza capiente condite con il basilico tritato e aggiungete l'aceto di vino bianco mischiato allo zucchero. Lasciate raffreddare completamente, aggiungete i semi di sesamo, lino, girasole e zucca.  Si possono consumare a temperatura ambiente o fresche di frigo. Personalmente preferisco fresche e meglio ancora il giorno dopo.






domenica 14 luglio 2013

Crema nocciole e cioccolato vegana da leccarsi i baffi

Era da tanto che ci pensavo..... possibile che se si vogliono eliminare i grassi animali si deve rinunciare per forza alla nutella???? Bè alla nutella proprio credo sia inviabile..... ma con un pò di pazienza è possibile trovare alternative davvero prelibate! Certo, come nel caso delle merendine fatte in casa la cosa importante è non aspettarsi quel preciso sapore ma semplicemente attendersi qualcosa di buono!! 
Nelle versioni homemade non ci sono i conservanti, gli aromi,  gli oli vegetali,  e tutti quegli altri ingredienti più chimici che alimentari che conferiscono a questi prodotti il loro sapore prelibato e che però sappiamo bene non essere il meglio per la nostra salute. se vogliamo concederci un momento a tutta dolcezza senza  troppi rimorsi..... questa ricetta è perfetta! Il risultato è una crema morbida e liscia cioccolatosa e con un intenso aroma di nocciola. In rete si trovano tantissime ricette diverse per preparare creme simili-nutella fatte in case, io ho elaborato una mia versione che ho trovato proprio buona e ve la propongo.



Ingredienti per un vasetto da circa 500 gr

150 gr nocciole tostate
100 gr zucchero di canna
100 gr cacao amaro (se la volte meno cioccolatosa potete ridurre a 60 gr)
3 cucchiaini di leticina di soia
30 gr di margarina 
3-4 cucchiai di latte di soia


Nel mixer tritare le nocciole con la leticina di soia. Questa operazione è la più importante di tutte, se non lavorate bene le nocciole otterrete una crema grumosa... ben lontana dall'idea della nutella. Lasciate lavorare il mixer per diversi minuti, vi accorgerete che le nocciole prima diventano una specie di farina, poi, piano piano cominciano a rilasciare il loro olio e, continuando a frullare si trasformano in crema. A questo punto aggiungere lo zucchero di canna e far lavorare il mixer, anche in questo caso bisogna lavorare per diversi minuti, lo zucchero deve amalgamarsi e ridursi a polvere, sempre per evitare un effetto ruvido nella crema.
Aggiungere il cacao e la margarina lasciata ammorbidire a temperatura ambiente, lavorare ancora bene per qualche minuto.
A questo punto otterrete una crema compatta, aggiungere il latte di soia un cucchiaio per volta, fino ad ottenere una consistenza cremosa ma compatta.  Verificate la consistenza della crema dopo l'aggiunta di ogni cucchiaio di latte. Se con 4 cucchiai a vostro parere fosse ancora troppo densa aggiungere ancora un pò di latte di soia. la vostra crema alle nocciole e cioccolato è pronta.
Versare in un barattolo a chiusura ermetica e conservare in frigorifero... buona sul pane o sulle fette biscottate, ottima per farcire torte o come ingrediente per golose preparazioni.



sabato 13 luglio 2013

Riso integrale con trombette pomodoro e curcuma



Questa mattina mia mamma mi ha dato delle bellissime zucchine a trombetta, quelle liguri. Dovevo preparare io il pranzo per tutti e quindi ho  deciso di farle diventare protagoniste! Con il caldo lo sappiamo meglio mangiare leggeri.... ma oggi proprio non volevo rinunciare al primo... quindi ho preparato un riso integrale con zucchine trombetta, un pò di concentrato di pomodoro e la curcuma.



Ingredienti per 4 persone

200 gr riso integrale 
800 gr di zucchine trombetta
1 spicchio di aglio
1 cucchiaio di concentrato di pomodoro (io uso un concentrato preparato in casa, credo che di quello industriale la dose possa variare un pò a seconda dell'intensità del prodotto)
1 cucchiaino di curcuma in polvere
1 ciuffetto di basilico
olio evo


Se come me usate un riso integrale dalla lunghissima cottura (45 minuti il mio), come prima cosa mettete a bollire una pentola con l'acqua per cuocerlo. Avrete tutto il tempo di preparare con calma le vostre trombette.
Lavate e spuntate le trombette, tagliatele a rondelle non troppo sottili perchè non si disfino in cottura. in una larga padella scaldate 3 cucchiai di olio evo con uno spicchio di aglio (da eliminare a fine cottura per evitare che qualcuno per sbaglio lo mangi). Quando l'aglio comincerà a sfrigolare aggiungere le trombette e cuocere a fiamma vivace fino a quando non saranno ben dorate.


A questo punto aggiungere il basilico tritato a coltello e il cucchiaio di concentrato sciolto in mezzo bicchiere di acqua tiepida e il cucchiaino di curcuma. Lasciate cuocere coperto fino a quando le trombette non saranno tenere e il sughetto non si sarà asciugato un po'. Spegnere il fuoco, aggiustare di sale se necessario (il concentrato di pomodoro è già molto saporito) e tenere in caldo. 
Quando il riso sarà cotto, scolarlo bene (se volete aggiungete un cucchiaio di olio evo per condirlo.... se lo volete più light invece condite solo con le zucchine trombetta. Impiattate facendo un fondo di riso e aggiungendo abbondati trombette. Questo piatto è buono sia caldo che appena tiepido.
la curcuma aromatizza piacevolmente le trombette e ravviva il sapore del concentrato... per me un piatto riuscito. 


giovedì 11 luglio 2013

Mud Cake di cioccolato bianco

Io, proprio io, potevo non provare la Mud Cake al cioccolato bianco???? ovviemnte no.... e quindi ho prontamente sperimentato! che dire.... come quella nera viene di una consistenza meravigliosa, friabile ma compatta.... incredibile! però, bè un però c'è..... quella al cioccolato bianco è per veri amanti del genere! se siete pazzi per la dolcezza burrosa del cioccolato bianco allora va benissimo è il vostro dolce! Credo che insieme al semifreddo al cioccolato bianco sia la perfetta celebrazione di questo ingrediente. Se invece per voi il cioccolato è quello fondente bè.... allora troverete questa torta un pò troppo dolce. Notate che io rispetto alla ricetta tradizionale uso zucchero di canna che è già meno intenso.....
La fotografia non è il massimo ..... ma è l'unica che ho e che sono riuscita a fare prima che venisse sbranata... appena ripeto la ricetta ve ne posto qualche altra più bella.
Vedete la superficie scura perché ho spolverato con cacao amaro.




Ingredienti

250 gr cioccolato bianco
300 gr di zuccero di canna ( io ne ho messi 250)
200 ml di acqua
250 margarina
300 gr farina 0
1 bustina di lievito
2 uova

Il procedimento è identico a quello della Mud Cake al cioccolato, mettere in un padellino capiente il cioccolato, l'acqua, la margarina e lo zucchero. Fate fondere tutto insieme a fuoco basso e senza portare a bollore.
Quando il composto sarà raffreddato versarlo sulla farina setacciata con lo lievito, mischiare bene, aggiungere le uova una per volta. Mischiare fino ad ottenere un composto cremoso ed omogeneo.
Versare in una teglia con i bordi apribili e infornare in forno già caldo a 160 gradi per almeno 50 minuti. Trascorso questo tempo fare la prova stecchino ed eventualmente cuocere ancora per 5-10 minuti.
Buona a temperatura ambiente... secondo me è meglio fresca di frigo e accompagnata con qualcosa che sgrassi u pò la bocca ..... una dadolata di frutta fresca, per esempio. Io proverei con il melone in questa stagione.





mercoledì 10 luglio 2013

Paté di tofu affumicato con olive verdi e capperi

Oggi vi presento una ricetta velocissima per ottenere un saporito paté da spalmare sui crostini o sul pane abbrustolito, oppure ancora per accompagnare delle verdure crude che senza rinunciare al piacere vi permette di evitare tutti i grassi del burro. Io ho preparato questa crema a partire dal tofu affumicato.  Questo tipo di tofu ha già da solo un sapore piuttosto acceso e intenso, quindi se non siete sicuri che vi piaccia io vi consiglio di scegliere un tofu al naturale, o al massimo quello alle erbe che si sposano bene con olive e capperi. Se invece siete amanti di questo prodotto allora credo che vi piacerà molto anche in questa versione.


Ingredienti per 6 persone

200 gr tofu affumicato (o naturale per chi non ama l'affumicato)
50 gr olive verdi denocciolate
1 cucchiaio di capperi sotto sale
1 ciuffo di basilico
crostini, pane tostato o verdure fresche per accompagnare
olio evo

Mettere nel mixer il tofu con le olive ben sgocciolate e i capperi leggermente puliti dal sale ( io non li sciacquo perchè non mi piace che assorbano acqua, in questo modo non è necessario aggiungere sale alla preparazione che lo penderà dai capperi e dalle olive), aggiungere un cucchiaio di olio evo. Frullare a velocità media fino ad ottenere una crema liscia. Versare in una ciotola e riporre in frigo fino al momento di servire. Ottimo spalmato sui crostini, leggerissimo con le verdure. Un piccolo antipasto fresco da preparare per le nostre cene d'estate o un aperitivo dell'ultimo momento. 


martedì 9 luglio 2013

Pollo croccante con verdure

Ecco un piatto che cucino sempre volentieri, è leggero, saporito, veloce da fare e bello da vedere.... cosa si può volere di più? Questa ricetta piace molto anche ai bambini perchè la carne rimane morbida ma croccante fuori e i colori delle verdure rendono il piatto allegro.




Ingredienti per 4 persone

600 gr petto di pollo tagliato a tocchetti
farina 0 per impanare
4 zucchine 
4 carote
2 spicchio di aglio
1 ciuffo di basilico
1/3 di bicchiere di vino bianco per sfumare (a piacere)
olio evo
sale

 Preparare le verdure: lavare e spuntare le zucchine, ridurle a listarelle sottili. Pulire e lavare le carote e tagliarle come le zucchine. In una larga padella  scaldare due cucchiai di olio evo e soffreggere l'aglio senza farlo scurire. Aggiungere le verdure e cuocere a fuoco vivo per soffriggere bene le verdure, rimestare spesso perchè non si attacchino e non brucino, regolare di sale. Abbassare il fuoco e portare a cottura. Aggiungere il basilico tritato a coltello spegnere e coprire. 
Mentre la verdura cuoce preparare il pollo. Asciugare bene la carne, impanarla velocemente nella farina (se vi piace potete mischiare alla farina qualche cucchiaio di sesamo che renderà il pollo ancora più croccante e profumato... io non posso farlo perchè mio figlio non lo vuole mangianre :( ).In un padella larga scaldate due cucchiai di olio evo con l'altro spicchio di aglio. Quando l'olio sarà caldo e l'aglio comincerà a rosolare aggiungere la carne. Anche in questo caso la prima parte della cottura va fatta a fuoco vivo perchè tutto intorno al pollo si formi una bella crosticina. Quando il pollo e ben dorato a piacere sfumate con il vino bianco, oppure abbassate direttamente la fiamma, coprite e portate a cottura (il pollo deve essere bello tenero all'interno). Ci vorrà circa un quarto d'ora ma molto dipende dallo spessore dei pezzetti che avete fatto ( a volte io a questo punto aromatizzo il pollo con un pò di curry o della curcuma che mi piace moltissimo).


Unire il pollo alla verdura, mischiare e lasciare riposare qualche minuto perchè i sapori si fondano. Servire come secondo o come piatto unico accompagnato da una bella insalata piena di colori.


.
.

lunedì 8 luglio 2013

Riso integrale e venere con ragù di soia


L'altra sera con mia sorella abbiamo combinato all'ultimo ultimo di mangiare insieme. Avevo molta verdura ma volevo aggiungere un piatto che avesse anche proteine vegetali per lei. Non avevo mai preparato il ragù con il granulato di soia e ho voluto provare. Il granulato di soia è uno dei prodotti vegani che mi piace di più. Fatto rinvenire in acqua calda o brodo assume la consistenza di briciole morbide e può essere utilizzato per molte preparazioni. Io lo uso quasi sempre per fare polpette crocchette o impasti vari. Devo dire che farlo soffriggere con olio e aglio come fosse carne tritata lo rende particolarmente buono.....ero un pò scettica all'idea del ragù di soia.... invece devo ammettere di essermi ricreduta...tanto che al più presto proverò anche a preparare le lasagne o i cannelloni.  


Ingredienti per 4 persone

320 gr di riso (io ho usato una miscela già preparata di riso venere e integrale che compro direttamente in riseria)
100 gr di granulato di soia
3 carote
1 spicchio di aglio
500 gr passata di pomodoro
2 cucchiaini di curry (facoltativo)
1 ciuffetto di basilico
olio evo

Come prima cosa mettere su la pentola dell'acqua per lessare il riso (quello che uso io ha un tempo di cottura di 45 minuti). Quando l'acqua bolle aggiungere il sale far riprendere il bollore e versare il riso. Cuocere per il tempo indicato sulla confezione. 
In un pentolino far rinvenire il granulato di soia, cuocendolo in brodo vegetale caldo (io ho usato brodo fatto con mezza cipolla, un gambo di sedano, una carota e una foglia di alloro) per 10 minuti (il volume triplica). Trascorsi 10 minuti, scolare in un colino a maglie fitte e tenere da parte. Pelare le carote e tagliarle a cubetti. Prendere una padella ampia aggiungere 3 cucchiai di olio evo e far rosolare l'aglio e le carote. Quando le carote cominceranno ad essere ben dorate, aggiungere il granulato di soia, saltare per qualche minuto a fiamma viva perchè si insaporisca, salare leggermente.


 Aggiungere la passata di pomodoro, abbassare la fiamma e proseguire la cottura. A questo punto io ho aggiunto anche il curry che aggiunge una nota speziata al ragù. Cuocere ancora circa 10 minuti. Rispetto ad un tradizionale ragù di carne, questo è decisamente veloce da preparare. Spegnere il fuoco aggiungere il basilico, eventualmente aggiustare di sale e coprire.


Quando il riso sarà cotto, scolarlo bene, condirlo con un filo di olio evo e distribuirlo sui piatti. Aggiungere a ciascun piatto abbondante ragù e servire.


venerdì 5 luglio 2013

Caponata di melanzane

Cari amici... oggi una ricetta salata! Era tantissimo che volevo preparare la Caponata di Melanzane siciliana.. ammetto però che nei confronti di uno dei piatti preferiti del Commissario Montalbano avevo una sorta di timore reverenziale! Ho letto che ci sono ben 28 ricette diverse considerate ufficiali per questo piatto... come dire.... il timore che il risultato non corrispondesse alla meravigia mangiata più volte in Sicilia era legittimo!
Ho cercato, ho letto.... e alla fine ho scelto la mia ricetta! Quando l'ho assaggiata appena fatta e calda ho pensato che forse era meglio lavorarci ancora.... poi l'ho lasciata riposare e raffreddare bene, l'ho assaggiata di nuovo e..... meraviglia!!! La conferma poi l'ho avuta dal mio amico Giorgio, il cui parere da vero intenditore sui piatti è una certezza!! devo dire che avevo un pò di timore nel proporgliela ma la sua approvazione ha confermato che l'esperimento era perfettamente riuscito!! :) :)
D'ora in poi preparerò questo piatto senza più timori! :)
Ho scelto la versione con solo melanzane, sedano, cipolla, pomodoro e olive perchè è quella che ho sempre preferito. Devo dire che non è affatto una preparazione difficile e cucinarla in casa è una vera soddisfazione. 



Ingredienti per 4 persone (se presentato come antipasto)

1 melanzana grande
1 cipolla di Tropea
1 sedano ( la parte tenera interna senza le foglie)
6 pomodori datterini
3 cucchiai di passata di pomodoro
20 olive nere circa
1 ciuffetto di basilico fresco
1/2 tazzina da caffè di aceto di vino bianco
1 cucchiaino di zucchero di canna
olio evo
sale 

Lavare la melanzana, tagliarla a tocchetti piccoli, metterla in uno scolapasta a maglie fitte cospargere di sale grosso e lasciare fare l'acqua. Sciacquare e asciugare benissimo le melanzane. Lavare il  cuore di sedano e ridurlo a rondelle. Pulire la cipolla e tagliarla in 4/4 e ridurre a fettine sottili.
In una larga padella scaldare abbondante olio extravergine di oliva. Quando sarà ben caldo aggiungere le melanzane e friggere a fuoco medio. Devono essere ben rosolate ma non bruciate e sopratutto devono cuocere anche dentro. Scolare le melanzane dall'olio di cottura e tenere da parte. Nella stessa padella, eliminare l'olio in eccesso, quindi, soffriggere bene la cipolla e il sedano. Aggiungere nuovamente le melanzane, i pomodori datterini lavati e tagliati a tocchetti, la passata di pomodoro e le olive. Lasciare cuocere ancora 5 minuti, a questo punto aggiungere la mezza tazzina di aceto di vino bianco a cui avrete mischiato il cucchiaino di zucchero di canna, mescolare bene, aggiungere il basilico fresco tritato a coltello e spegnere il fuoco. Coprire e lasciare raffreddare completamente prima di riporre in frigo. Meglio preparare questo piatto perchè i sapori si amalgamano meglio e si fondono..... creando la meraviglia di questa ricetta semplice ma tanto tanto golosa.


giovedì 4 luglio 2013

Torta alla nutella superbuona

Ieri all'ultimo minuto abbiamo organizzato una bellissima serata in compagnia di amici a casa nostra....
poteva mancare il dolce??
Con pochissimo tempo a disposizione ho pensato di provare una ricetta che avevo letto sulla rete e che mi aveva incuriosito perché riprendeva l'abitudine che ho anche io di usare il mascarpone invece del burro nelle torte e soprattutto  perchè sembrava velocissima da preparare ma super super golosa....
Non so se il risultato è esattamente quello della ricetta che mia aveva ispirato perchè non avendola segnata ho fatto un pò di testa mia avendo in mente l'obiettivo...... ma vi assicuro che è una cosa  spaziale.... L'impasto fragrante al mascarpone avvolge cucchiai di nutella che si sciolgono in bocca... una meraviglia!! Da rifare assolutamente!!

 Ingredienti per 6 persone

200 gr farina 0
120 gr zucchero di canna
130 gr mascarpone
1 uovo
1 tazzina da caffè di latte
180 gr nutella
1/2 bustina di lievito per dolci


In una ciotola montare il mascarpone con lo zucchero fino ad ottenere un crema spumosa. Aggiungere l'uovo e continuare a montare. Aggiungere la farina setacciata con lo lievito, se l'impasto risulta troppo duro aggiungere il latte. In ogni caso l'impasto deve essere più consistente di quello abituale. mettere l'impasto in una teglia rotonda da 24 cm e livellarlo bene. Disporre la nutella a cucchiaiate sulla superficie. Cuocendo e lievitando la pasta ingloberà almeno parzialmente la nutella che quindi non risulterà per niente secca...anzi...
Infornare in forno già caldo a 180 gradi per circa 25 minuti. Vale la prova stecchino! Io non avendo molto tempo ho servito la torta ancora tiepida.... e forse è stato ancora meglio così! il profumo e la fragranza del mascarpone si fondevano perfettamente con la nutella.... davvero davvero buona!! 




mercoledì 3 luglio 2013

Mini strudel di banana e marmellata di albicocca



Mio figlio adora le banane e tutto ciò che è preparato con esse.....
ieri ho provato questa ricettina veloce velocissima. Volevo preparargli un dolcino ma non avevo voglia di preparare il suo tanto amato banana bread. Così ho improvvisato. pasta sfoglia, banane, marmellata e un pò di zucchero a velo e caramello per finire....
Il risultato è semplice e goloso, questa mattina a colazione questi mini strudel sono andati a ruba...


Ingredienti per 6 mini strudel

3 banane
1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare pronto o pasta sfoglia fatta in casa ( molto più buona...quando si ha fretta va bene l'altra)
4 cucchiai di marmellata di albicocche
zucchero a velo
caramello

Stendere la pasta sfoglia e tagliarla in 6 rettangoli. Spalmare ogni rettangolo con la marmellata di albicocche. Sbucciare le banane e tagliarle a metà. Disporre una mezza banana in ciascun rettangolo di pasta sfoglia. Arrotolare e chiudere gli strudel. Disporre sulla placca da forno e infornare nel forno già caldo a 200 gradi per 15-20 minuti. La banana cuocendo rilascia la sua acqua quindi controllare che effettivamente l'impasto sia asciutto anche sotto.
Sfornare, lasciare raffreddare completamente (se volete si possono anche servire tiepidi) decorare con zucchero a velo (ci starebbe bene una punta di cannella che io non posso usare perchè i miei uomini non la gradiscono) e caramello..... Secondo me sarebbero buonissimi anche accompagnati da una pallina di gelato, magari... al cioccolato!!!! :) :)
Anche se la ricetta non prevede l'uso di zucchero a parte nella decorazione gli strudel sono sufficientemente dolci vista la presenza della frutta e della marmellata.


martedì 2 luglio 2013

Ho ricevuto un premio da Chupchuoenlacazuela.blogspot.es

Oggi a sorpresa ho ricevuto questo premio da Victoria di Chup Chup en la Cazuela!!! Che bella sorpresa... anche perchè sono l'unico blog italiano in una bella lista di blog spagnoli! Sono davvero davvero davvero felice!!ora tocca a me rispondere alle domande e poi a mia volta girare il premio.per ora lo condivido con voi. Domani risponderò alle domande e indicherò i miei 13 blog premiati.


                

Estoy muy contenta y agradecida por el premio que me ha concedido untoquecreativoblogspot.com¡¡¡MUCHAS GRACIAS POR PENSAR EN MI SENCILLO BLOG!!!Os envío un fuertisimo abrazo Copio y después yo contestaré a todo 
Recordamos las normas:Nombrar y agradecer el premio a quien te lo concedeContar 11 cosas sobre ti y responder a las 11 preguntas que te formulenConceder el premio a otros 11 blogs que te gusten y estén empezandoFormular 11 preguntas. A nuestros premiados no les vamos a proponer preguntas nuevas, que respondan a las misma que nosotros.


Vamos a empezar :
                                  ¿Que 11 cosas os puedo contar sobre mi?
1.- Soy,  vivo y trabajo  en Barcelona, una ciudad preciosa.
2.-Tengo dos hijas a las que adoro, Berta y Núria,  junto a su papi.
3.- Tengo un abuelo de 99 años que devora libros a la velocidad del rayo y al que queremos todos muchisimo.
4.- Como podéis suponer, me encanta la cocina.
5.- Tengo muy poco tiempo libre y por eso cuelgo recetas solo cuando puedo, aunque me encantaría hacerlo más a menudo.
6.-Tengo unas ganas tremendas de que lleguen las vacaciones
7.-Considero  la amistad uno de los mejores regalos que podemos recibir
8.-Me encanta tomar el sol y escuchar la música de las olas
9.-Soy muy muy tozuda
10.- Disfruto de los momentos que se viven en la mesa, después de la comida
11.- Me encanta viajar y descubrir paises y platos nuevos

Ahora, las preguntas:

Respuestas a las preguntas


  1. ¿Cuánto tiempo llevas con tu blog?Desde febrero de 2011
  2. ¿Cuáles son las recetas que más te gusta hacer? Cualquier cosa, pero con calma
  3. ¿Cuál es la primera receta de la que te sientes realmente orgullos@? Pues no sabría decir, cada vez que presento un plato me animo a seguir
  4. ¿Por qué decidiste empezar un blog?Para que mi hija mayor, que se ha independizado, pudiese consultar cuando le hiciese falta
  5. ¿Para quién te gustaría cocinar? Para la gente a la que le tengo cariño
  6. ¿Eres más de azúcar o de orégano? Me tira más lo salado
  7. Cuéntanos algún desastre llevado a cabo en la cocina. Mi primera paella  ¡¡¡Terrible!!!
  8. ¿Qué te motiva para cocinar? Sobre todo que los que se sientan a la mesa, disfruten mucho
  9. Si fueras a una isla desierta, ¿qué tres cosas para cocinar te llevarías?Cerillas, una cazuela y un buen cuchillo
  10. Tienes algún tipo de ceremonia o manía antes de ponerte a cocinar.Lavarme las manos. Me acuerdo que cuando mi hija Berta era pequeña, le preparé un bocata para el cole y me dijo que cuando lo había comido, sabía a mi colonia ¡¡¡Nunca más!!!
  11. ¿Eres de l@s que buscan recetas o las creas? Busco para aprender pero voy inventando en base a los ingredientes de los que disongo

Los blogs premiados tendrán que contestar las mismas preguntas y contarnos, también 11 cosas sobre si mismos.
Os felicito a todos y os animo a seguir compartiendo con todos los cocinit@s
A quien le apetezca que los visite y si le gusta, se quede como seguidor, a mi, personalmente, me alegra mucho saber que alguien ha paseado por mi cocina y se ha quedado ¡¡Un seguidor más!!
Los que reciben premio son:


Pesce persico in crosta di nocciole e zenzero con friggitelli



Il pesce lo cucino pochissimo... mi piace, mi piace molto ma da buona piemontese non ho una grande dimestichezza con il prodotto.Quando ero piccola l'unico pesce che si preparava in casa di frequente era il merluzzo in umido con la polenta oppure le acciughe al verde. via via anche mia mamma si era avventurata a provare qualcosa di nuovo e quindi il polipo, il pesce spada, il salmone fresco sono entrati nella nostra alimentazione.
Io cerco di spaziare ma certo non cucino pesce tante volte quante avrei voglia di mangiarlo....
Ieri sera però era una di queste volte. Ho preparato un filetto di pesce persico al forno in crosta di nocciole e zenzero.... per non farlo nel solito modo con pangrattato e prezzemolo. Accompagnato da friggitelli saltati in padella con uno spicchio di aglio. Piatto ricco di sapori ma molto leggero.
Il pesce persico è un pesce molto facile da cucinare, è molto carnoso ed ha un sapore delicato che piace anche ai bambini sopratutto in questa versione in cui la crosticina ricorda vagamente la panatura del fritto pur essendo cotto al forno. I filetti piuttosto grossi sono venduti già puliti e privi di spine... anche questo aiuta con i bambini. 


Ingredienti per 4 persone

1 filetto di pesce persico da 800 gr circa
600 gr di friggitelli
3 cucchiai di pangrattato
50 grammi di nocciole tritate
2 ciuffetti di basilico
zenzero fresco 
aglio
olio evo

Lavate e asciugate bene il filetto di pesce persico adagiatelo su una teglia ampia appena unta di olio evo. Mescolate il pane grattuggiato con uno spicchio di aglio tagliato a fettine (così i commensali potranno evitare di mangiarlo), le nocciole tritate, il basilico tagliato al coltello e lo zenzero grattugiato (calcolate un pezzetto di circa 8-10 grammi se vi piace il sapore intenso altrimenti anche meno), mescolare bene. Usare questo impasto per cospargere abbondantemente la superficie del pesce. Io non ho aggiunto sale anche se il pesce persico non è un pesce molto saporito perchè le nocciole, lo zenzero e il basilico profumano comunque a sufficienza la preparazione, se volete però potete aggiungere un pizzico di sale alla panatura. Versare a filo 2 cucchiai di olio evo sul pesce e infornare, in forno caldo a 200 gradi per circa 25-30. 


Molto dipende dalla grandezza del filetto e dal suo spessore. Quando cominciate a sentire il profumo del pesce diffondersi nella vostra cucina meglio controllare perchè non diventi troppo secco. La panatura deve risultare croccante ma la carne deve essere umida e morbida.


 Mentre il pesce cuoce, preparare i friggitelli. I friggitelli sono dei peperoni tipici del sud che hanno un sapore eccezionale, molto più corposo dei peperoni Piemontesi.... che sono buonissimi ma per altri usi.... 
Lavare i friggitelli e asciugarli benissimo (dovendoli cuocere in olio caldo eviteremo spruzzi di olio bollente tutt'altro che piacevoli). Preparare una padella larga in cui metterete a scaldare 2 spicchi di aglio  con 4 cucchiai di olio evo. Quando l'olio sarà caldo aggiungere i friggitelli interi e cuocere a fuoco medio, devono sfrigolare bene e friggersi, ma allo stesso tempo devono avere il tempo di cuocersi bene anche all'interno altrimenti risulteranno un pò indigesti.
Quando il pesce e i friggitelli saranno pronti servire a ciascuno dei vostri ospiti un trancio di pesce accompagnato da qualche friggitello.